E s’imbarcò sul brick “Frolick” verso Corfù

Ho già raccontato di come Enrico bambino – aveva sette anni o poco più – andò a vivere con Luigi Chierici e la sua famiglia nella casa di via Principe Amedeo 62, nel quartiere “piemontese” sorto sul colle Esquilino vicino alla Stazione Termini. “Figlio d’affetto” visse per 30 anni con loro: quando Luigi morì nel 1898, rimase con Tito e Dorina, entrambi figli di Luigi, praticamente fino a quando si sposò con Maria nel marzo del 1918.

Luigi Chierici

Ma chi era Luigi Chierici, l’uomo che nelle fotografie che Enrico ha conservato appare come un vecchio, saggio signore e che probabilmente per lui fu una specie di nonno (e del resto in una lettera a Enrico del 1894 si definisce lui stesso “nonno putativo”), più che un secondo padre? In realtà Luigi Chierici, pur avendo quasi sessant’anni più di Enrico, aveva un anno in meno del suo “vero” padre Luigi, essendo nato a Bologna il 14 luglio del 1823. Era figlio di studiosi – suo padre Francesco Maria era vice rettore dell’Università petroniana – e per tutta la vita coniugò l’attività culturale con quella politica. Medico a 23 anni, a 25 s’impegnò a fondo nei moti del 1848. Ufficiale medico dell’esercito pontificio, partecipò alla resistenza della sua città contro l’ingresso degli austriaci, fu ispettore del Comitato popolare di pubblica sicurezza, sempre a Bologna, e fu uno dei promotori del Circolo popolare bolognese. Fu poi confinato a Castel S.Pietro per i suoi “atteggiamenti rivoluzionari” e subito dopo partecipò attivamente all’esperienza della repubblica romana: prima come delegato governativo a Poggio Renatico, poi come commissario straordinario della repubblica per le Marche e la Romagna.  Quando Ancona capitolò davanti al generale austriaco Wimpffen, rifiutò di arrendersi  e s’imbarcò sul brick inglese “Frolick” che, per interessamento del console inglese, potè lasciare il porto e dirigersi a Corfù.

Trascorse undici anni in esilio, prima a Corfù e poi a Costantinopoli, nei quali esercitò la professione medica e in quegli anni elaborò le sue teorie sull’importanza dell’igiene pubblica, allargandone il concetto a tutte le manifestazioni della vita dell’uomo, fino a definirla appunto “igiene sociale”. Tornato in Italia nel dicembre del 1861 iniziò a insegnare a Torino proprio “igiene sociale”, tenendo “letture scientifico-popolari per ambo i sessi” e venendo poi incaricato di insegnare questa materia nell’ateneo torinese. Personaggio poliedrico, fondò nel 1863 la prima Società italiana di temperanza per la lotta all’alcolismo e, nel 1869 a Bologna, il primo istituto di istruzione superiore femminile. Visse qualche anno a Firenze, poi, nel 1873, si trasferì a Roma.

Le notizie che ho qui riportato sono tratte dal Dizionario biografico degli italiani del 1980. La nota su Chierici si chiude con la frase: “Non si conosce la data della morte”. A questa lacuna pose rimedio mio zio Adriano, che vent’anni fa scrisse alla Treccani ricordando la cerimonia funebre alla Certosa di Bologna il 3 febbraio 1898 (Chierici era morto il 25 gennaio di quell’anno) e il fatto che nonno Enrico aveva donato alla Biblioteca dell’Archiginnasio di Bologna, per espressa volontà di Tito e Dorina Chierici, “quella parte del suo archivio personale che si era salvata” nel corso del suo vagabondare nell’esilio, prima, e nei suoi trasferimenti in Italia, poi. Non ho ancora controllato se la voce Luigi Chierici sia stata aggiornata.

Mi fermo qui (un post non deve mai essere troppo lungo). Ci sarà tempo e modo per tornare sui Chierici, su Tito soprattutto, e sul loro rapporto con Enrico.

P.S. La Treccani ha un sito veramente bello. La voce Luigi Chierici però riporta ancora la frase: “Non si conosce la data della morte”.

Questa voce è stata pubblicata in passo passo. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...