Una vita nei figli

Ho trovato tra le solite carte un “ottavo” scritto a mano con una grafia abbastanza leggibile. L’intestazione dice:

Estratto dalle memorie lasciate da Bartolomeo Ermini

e il contenuto parla della vita, e soprattutto dei parti, di Anna Maria Ermini, la nonna di mio nonno Enrico, la madre di suo padre Luigi, la moglie di Giovanni Galantini. Dal che ho dedotto che Bartolomeo, l’autore delle memorie, fosse suo padre.
Il testo dell’estratto dice così:

Giovedì 30 maggio 1816
Furono fatti i capitoli di Anna Maria in casa di Filippo con l’intervento di vari amici con rinfreschi di mattonelle, gelati e confetti

Domenica 3 giugno 1816
Fu fatto il matrimonio della suddetta nel conservatorio di S.Paolo primo eremita con Giovanni Galantini. Benedisse le nozze  il s.re D. Filippo Pincellotti. Dipoi furono date cioccolate a tutte le ragazze ed all’istante partirono per una vigna di Banducci sotto Marino sino al giovedì prossimo. E fui a trovarli il martedì 5 giugno.

 25 ottobre 1816
Anna Maria abortì e fece un figlio. La madre aveva avuto il vaiuolo. Il bambino era di circa 5 mesi.

26 febbraio 1818
Anna Maria circa le ore 3 ¾ (dopo l’avemaria) fece un maschio e gli fu imposto il nome di Ignazio, Saverio, Vincenzo, Pacifico, Antonio. Fu chiamato sempre con l’ultimo nome. Fu tenuto a battesimo da sig. padre.

8 8bre 1818
Si effettuò il matrimonio della signora Colomba Galantini  con Francesco Stazi.
Colomba, allora diciassettenne, era la cognata più piccola di Anna Maria.

 3 aprile 1819
Anna Maria partorì un figlio e fu battezzato il 16 co’ nomi di Vincenzo, Saverio, Ignazio, Pacifico, Luigi. Morì il 6 febbraio 1822.

 25 8bre 1820
Nacque ad Anna Maria una figlia circa le 6 (dopo l’ave) e fu battezzata il 26 co’ nomi di Maria Teresa, Geltrude. Morì.

 14 febbraio 1822
Giovedì grasso nacque ad Anna Maria un figlio e gli fu imposto il nome di Luigi, Maria, Franco, Pacifico. Fu battezzato il 15 venerdì 1822.
Morì a Catino il 25 luglio 1894.

24 dicembre 1823
Nacque ad Anna Maria una figlia circa le ore 7 (dopo l’ave) e le fu imposto il nome di Natalia.

 7 febbraio 1826
Ultimo giorno di carnevale, Anna Maria partorì una figlia, ebbe il nome di Vincenza. Morì il 23 gennaio 1828.

12 agosto 1828
Partorì Anna Maria un figlio e gli fu imposto il nome di Cesare, Francesco, Alessandro, Pacifico. Battezzato il 13

26 maggio 1830
A ore 14 ad Anna Maria nacque una figlia. Fu chiamata Marianna, Vittoria. Morì il 10 giugno 1830.

Lunedì 7 dicembre 1835
Partorì Anna Maria una figlia, ebbe il nome di Maria, Filomena, Geltrude. Fu compare Ambrogetti.

5 luglio 1838
Furono fatti i capitoli di Antonio Galantini con Carlotta Bruno.

Domenica 8 luglio 1838
Fu effettuato il matrimonio, partirono per Albano.

3 agosto 1844
Natalina Galantini sposò Cesare Zampi

Fine

Qui finisce il testo, scheletrico nella scansione delle nascite e vagamente inquietante nella sua asetticità. Come se in quell’elenco ci fosse tutta una vita: la donna cone fattrice.
E iniziano alcune domande. Chi ha scritto materialmente questo testo, integrando le memorie di Bartolomeo (che certo non era vivo quando Luigi moriva nel 1894), di chi è la grafia piegata  a destra che riassume in un aborto, nove figli, e tre cerimonie una vita lunga settant’un anno? Anna Maria Ermini nacque infatti nel 1794 e morì nel 1865, cinque anni dopo il marito Giovanni.

Io propendo per attribuirlo a Natalina Galantini, sorella di Luigi, di lui un anno più giovane, anche se forse è strano che abbia sbagliato il proprio nome al momento di ricordare la sua nascita. Natalina compare più volte, assieme al marito Cesare Zampi,  nella vita dei ragazzi Galantini, soprattutto dopo la morte di Luigi nel 1894.

P.S. L’elenco, peraltro, è incompleto. A leggere l’albero genealogico ricostruito da mio zio Adriano, Anna Maria e Giovanni ebbero 10 figli nati vivi. Tra Marianna e Maria Filomena, nel 1831, ci fu un altro figlio, al quale fu imposto il nome di Filippo.

P.P.S. E chi era Bartolomeo, visto che, sempre a stare all’albero genealogico, il padre di Anna Maria si chiamava Alessandro?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Documenti. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Una vita nei figli

  1. enricogalantini ha detto:

    L’ha ribloggato su enricogalantinie ha commentato:

    Ogni tanto vado a rileggere il blog “di famiglia”. Questa – che riprendo da quelle pagine – era in sintesi, secondo un uomo del primo Ottocento, la vita di una donna. Quella donna era la nonna di mio nonno Enrico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...