Quelle lettere distrutte

Ricevo da mia cugina Maria questa mail che spiega uno dei “misteri” sollevati dal post precedente. E la condivido in questo che sta quasi diventando, piano piano, un lavoro collettivo…

“Caro Enrico,
te lo dico io dove sono finite le lettere di Adriano a nonna Maria! La nonna le aveva conservate, poi, un bel giorno – non so perché – decise di distruggerle. Prima, però, le ha rilette tutte, ovviamente e comprensibilmente commuovendosi ! Quando? Noi eravamo bambini e sicuramente era ancora vivo nonno Enrico.

Ricordo (e forse – chissà – ora che te lo dico te ne ricorderai anche tu) che ci fu un periodo in cui, quando andavamo lì, la domenica pomeriggio, la nonna leggeva ai nostri genitori i brani più commoventi, con la “teatralità” che le era propria. A me, bambina, questa cosa sembrava molto ridicola, però, adesso mi rendo conto di che emozione dovesse essere per lei.”

Cara Maria, ricordo le domeniche pomeriggio (e come potrei dimenticarle…) anche se ormai un po’ velate dalla patina del tempo. Ma delle lettere di Adriano, niente, nada, rien – e non so dirlo in tedesco, se no continuerei…

Grazie comunque del tassello che hai aggiunto al puzzle. E alla prossima.

Questa voce è stata pubblicata in Documenti. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...